CHANGE LANGUAGE | Home > Doc > Il Trading on line >In Gran Bretagna

Il Trading on line in Italia, situazione attuale e prospettive di sviluppo.

Capitolo 1 World Wide Web: aspetti generali

Capitolo 2 Internet e il settore bancario. Introduzione ai servizi bancari evoluti

Capitolo 3 La Banca Virtuale all'estero

La Banca Virtuale all'estero

In Germania

Bayerische Vereinsbank

In Gran Bretagna

La First Direct

In Francia

In Finlandia

Negli Stati Uniti

Il sito della Bank of America

Il sito della European Union Bank

La Security First National Bank I

La Security First National Bank II

In Australia: il sito della Cybank

Capitolo 4 La Banca virtuale in Italia

Capitolo 5 La compravendita titoli nel web

Capitolo 6 Analisi degli operatori e delle demo operative

Capitolo 7 Come si arriva a decidere l'acquisto di un titolo

Conclusioni

Bibliografia

La Banca Virtuale all'estero

Banche In Gran Bretagna

Nel Regno Unito gli investimenti in infrastrutture tecnologiche hanno sempre avuto un ruolo chiave all'interno della strategia complessiva delle banche, e tale Paese con maggior convinzione rispetto agli altri paesi europei, ha adottato nuove soluzioni e ha investito nell'informatica somme ingenti e superiori a quelle di tutti gli altri stati [9]. Basti pensare all'introduzione dei primi ATM da parte della Barclays nel 1967; da quell'anno il numero degli ATM è salito costantemente cosicché il rapporto ATM/Sportelli tradizionali si è posizionato, per quasi tutte le principali istituzioni, ad un livello superiore all'unità e addirittura superiore a due nel caso della Halifax Bank, la principale building society del Paese . L'area dove l'evoluzione dei servizi di pagamento offerti alla clientela è più evidente è quella del phone banking , messo in pratica per la prima volta da Girobank, nel 1986. L'elevato tasso di gradimento della clientela anglosassone verso queste nuove modalità di interazione con servizi finanziari ha generato numerose iniziative analoghe da parte delle banche concorrenti. Nel 1997, ben 4 milioni di clienti inglesi hanno usato il phone banking . [10] La prima banca ad offrire un servizio di questo tipo è stata la Bank of Scotland che, a partire dal 1983, con Phoneline ha creato un servizio telefonico gratuito con risponditore vocale. La maggior parte degli istituti erogano i servizi telefonici gratuitamente [11]; Accanto ai servizi di phone banking alcune banche offrono l'home banking via PC. Molti sono gli istituti inglesi che utilizzano canali alternativi per l'erogazione dei loro prodotti, ma la banca considerata come modello di riferimento, in quanto è stata la prima, è la First Direct . Non si tratta dell'unico esemplare di banca virtuale sul mercato anglosassone; in quanto sono presenti altre banche on line , quali BankNet , che opera esclusivamente su Internet, la Direct Line Insurance , nata come compagnia di assicurazione diretta operante nel ramo auto, ed altre.


[9] secondo stime fornite da un'indagine ABI-CIPA del 1997.

[10] Cristiano Contigiani , op.cit

[11] è il caso della Barclays Bank che offre dal 1994 BarclayCall; della National Westminster Bank che fornisce dal 1989 Actionline , un servizio automatico e Primeline dal 1993 , un servizio con operatori; della Abbey National Bank che dal 1989 offre Abbey National Direct.

Dott. Pietro Favè

Performance Trading

Home | Mappa | Staff | Disclaimer | Privacy | Supportaci | Contact

Copyright © PerformanceTrading.it ed il suo contenuto sono di esclusiva propriet� di DHDwise. E' vietata la riproduzione anche parziale di qualsiasi parte del sito senza autorizzazione compresa la grafica e il layout. Prima della consultazione del sito leggere il disclaimer. Per informazioni consultare la sezione info.