CHANGE LANGUAGE | Home > Doc > Stefano Calamita > Perdite in borsa e stop Loss

Stefano Calamita

Il valore dell' ignoranza

La grande verità: le perdite nel trading sono inevitabili, quindi impariamo a gestirle

Come correggere gli errori che ci fanno perdere soldi in borsa

Perchè in molti perdono in borsa: gli errori più comuni

Perché ricadiamo negli stessi errori

C'è un nemico dentro di noi?

Per ottenere quello che vuoi (non solo in Borsa)

Perdite in Borsa e Stop Loss

Perchè tagliare le perdite e lasciare correre i profitti

Scheda Trader Modeling

Efficient Market Hypothesis (e random Walk)

Studi sui modelli decisionali tra prospettive incerte

I Grandi di Wall Street (Gary Bielfeldt)

Esercizio base per misurare il proprio livello di coivolgimento emotivo nel processo decisionale d'investimento

Il sole sorge solo per chi è sveglio

Superare le difficoltà è la prova del fuoco

Victor Sperandeo

Stefano Calamita

Perdite in borsa e stop Loss

L'analisi della decisione utilizza molteplici tecniche per la formazione di giudizi probabilistici. Esse si basano sul cosiddetto principio di "scomposizione della credenza" (Smitt 1988)

Secondo tale principio la valutazione probabilistica dell'evento è data dalla ricombinazione delle probabilità dei suoi singoli componenti all'"aumentare di questi" il dilemma di decisione costituisce una "vera e propria trappola cognitiva".(Russo e SChoemaker 1989)

Per far fronte alle trappole del sunk cost o dell' escalation di una perdita (vedi chiusura per mancato stop loss) Staw e Ross (1987) hanno ideato una tecnica consistente nel considerare in modo esplicito i costi che comporta l'abbandono di un certo impegno prima di effettuare un "avventura di lungo periodo" (vedi cassettista)

E' stato osservato in alcune indagini, che la possibilità di rimanere intrappolati viene ridotta o eliminata quando i costi della scelta sono resi irrilevanti. Infatti i soggetti ricevevano informazioni che sottolineavano l'importanza dei "costi" e delle "ricompense" potenziali associati col il rimanere nella situazione "conflittuale" (non vorrei ma sono costretto a non vendere per non perdere su quel titolo...) "

...cioè se gli individui decidono di investire oltre i limiti precedentemente stabiliti, questa decisione deve dipendere da una considerazione in prospettiva, da una analisi dei futuri costi/benefici...piuttosto che passati... Si può evitare di decidere sotto l'influsso dei risultati della scelta precedente ponendosi una domanda come questa:

Se mi trovassi a dover decidere l'acquisto di questo titolo per la prima volta oggi e trovassi questa posizione aperta, cosa farei? Farei l'acquisto o lo liquiderei?

Domande di questo tipo hanno il preciso scopo di porre al centro della valutazione gli effetti della futura decisione (Brockner e RUBIN 1985 pag.203) "...occorre inoltre sottolineare come le procedure semplificativeli decisione non necessariamente producano dei grandi svantaggi.


Dr. Stefano Calamita

Performance Trading

Home | Mappa | Staff | Disclaimer | Privacy | Supportaci | Contact

Copyright © PerformanceTrading.it ed il suo contenuto sono di esclusiva propriet� di DHDwise. E' vietata la riproduzione anche parziale di qualsiasi parte del sito senza autorizzazione compresa la grafica e il layout. Prima della consultazione del sito leggere il disclaimer. Per informazioni consultare la sezione info.