CHANGE LANGUAGE | Home > Biografie & esperienze > Gli uomini che hanno scritto la storia della finanza > La Teoria delle Opzioni - Il modello binomiale

Gli uomini che hanno scritto la storia della finanza

Premessa

I pionieri

Louis Bachelier

Alfred Cowles

Sir John Burr Williams

Frederick R. Macauley

La Moderna Teoria di Portafoglio

Harry M. Markowitz

I principi base della teoria di Markowitz

La costruzione della frontiera efficiente

James Tobin

Il modello di Tobin

Sharpe - Il Single Index Model

Sharpe - Il significato del coefficiente beta

La Teoria delle Opzioni

Fisher Black Myron S. Scholes

Il modello Black-Scholes

Caratteristiche del "derivato"

Caratteristiche del portafoglio P

Semplicemente. Black & Scholes

"Le greche"

John C. Cox, Stephen A. Ross, Mark E. Rubinstein

Il modello binomiale

Finanza Aziendale

Myron J. Gordon

Franco Modigliani Merton Miller

Il Modello "M&M"

La Teoria del Mercato Efficiente

Eugene F. Fama

Conclusioni

Gli uomini che hanno scritto la storia della finanza

Il modello binomiale

Sia C il valore di una call europea iscritta sull’attività S e P il portafoglio "lungo" di una opzione e “corto” di ∆ titoli sottostanti:


Il calcolo di ∆ è fondamentale al fine di rendere P insensibile alle variazioni di S tra t0 e t1, ricordando che δt è l’intervallo temporale fra tra t0 e t1.

I valori corrispondenti ad un rialzo di S si indicheranno con il segno (+), quelli corrispondenti ad un ribasso di S si indicheranno con un segno (-). Affinché non esistano delle possibilità di arbitraggio senza rischio, il rendimento del portafoglio P dovrà essere esattamente pari al tasso risk free R. Conseguentemente, varrà l’equazione:

dove :

Dalla (3) e dalla (4) si deduce C, ovvero il valore dell’opzione in t0:

Rimangono quindi da valutare i valori h e b. Essendo δt l’intervallo temporale fra t0 e t1, µ la media ed σ la varianza dei rendimenti di S per unità di tempo, si avranno le seguenti relazioni:

Utilizzando la (1) si otterrà :

Le equazioni (5), (6) e (7) permettono di ricavare il valore dell’opzione C al tempo t0 dai valori della stessa opzione al tempo t1, t2, …, tn. Ciò è possibile dal momento che, ad ogni istante successivo, il valore del titolo sottostante potrà assumere solo due valori, alto o basso.

Procedendo a ritroso, di nodo in nodo, sarà quindi possibile risalire al valore dell’opzione al tempo t0. In generale, se tn è la data di scadenza dell’opzione, il problema sarà risolto facilmente, giacché il valore della Call in tale data è dato da max(S - K, 0).

L’albero binomiale può essere così rappresentato :

Dott. Andrea Castiglione

Performance Trading

Home | Mappa | Staff | Disclaimer | Privacy | Supportaci | Contact

Copyright © PerformanceTrading.it ed il suo contenuto sono di esclusiva propriet� di DHDwise. E' vietata la riproduzione anche parziale di qualsiasi parte del sito senza autorizzazione compresa la grafica e il layout. Prima della consultazione del sito leggere il disclaimer. Per informazioni consultare la sezione info.