CHANGE LANGUAGE | Home > Doc > Le frodi nell'ambito degli Edge Funds > 7.3.5 Le modifiche successive alla stipula del contratto

Le frodi nell'ambito degli Edge Funds

1. Gli Edge Fund: Evoluzione Storica

2. Caratteristiche strutturali degli Hedge funds

3. Le frodi nel settore degli Hedge funds: aspetti introduttivi

4 le frodi più frequenti: copertura delle perdite di gestione

5. Gli altri tipi di illecito

6. Riflessioni quantitative sulle frodi

7. Le Frodi in Italia: il caso comune di Milano

8. I possibili interventi a riduzione degli illeciti

9. Conclusioni

Bibbliografia e Sitografia

Le frodi nell'ambito degli Edge Fund

7.3.5 Le modifiche successive alla stipula del contratto

Con la delibera n. 2008/2005 del 26 luglio 2005, la Giunta Comunale ha emanato un atto d’indirizzo avente per oggetto “la ristrutturazione della posizione in derivati in essere a seguito dell’emissione del prestito obbligazionario per l’estinzione anticipata dei mutui a carico del bilancio comunale e della rinegoziazione dei mutui con la cassa depositi e prestiti S.p.A. concessi al Comune di Milano anteriormente il 1 gennaio 1997”. La Giunta, in particolare, ha incaricato il Responsabile del Settore Finanza di procedere alla ristrutturazione di un precedente contratto in derivati, in essere con Unicredit Banca d’Impresa, risalente al 2002. La parziale chiusura del derivato è stata motivata con la necessità di procedere al completamento:

 Dell’operazione di emissione del prestito obbligazionario per l’estinzione anticipata dei mutui a carico del bilancio comunale;

 Dell’operazione di rinegoziazione dei mutui assunti con la Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. prima del 1 gennaio 1997, stabilendo di procedere:

  • o Alla chiusura della quota di derivato il cui debito è stato estinto e rifinanziato con il prestito obbligazionario, attraverso la ristrutturazione dello swap di ammortamento perfezionato con gli arrangers;
  • o Alla rimodulazione della parte relativa ai mutui sottostanti per i quali è intervenuta la rinegoziazione;

In sintesi, dopo la conclusione dell’operazione di estinzione anticipata dei mutui effettuata in giugno, l’Amministrazione ha preso in considerazione l’esistenza di un precedente contratto di swap di tasso di interesse concluso con Unicredit Banca d’Impresa (UBI), che aveva ad oggetto, in parte, alcuni dei contratti di mutuo estinti anticipatamente con l’operazione conclusa nel mese di giugno (per un importo di euro 304.340.627,41) ed ha deciso di:

  • Trasferire agli arrangers una porzione di operazione in derivati in essere tra lo stesso Comune di Milano e Unicredit per un importo pari ad euro 48.164.000;
  • Ristrutturare con UBI la quota restante del derivato in essere (al netto dell’operazione definita al punto precedente), al fine di adeguare le scadenze dello stesso swap al debito sottostante;
  • Risolvere anticipatamente una parte dell’operazione, pari al 20,75% dell’importo originale, compensando i costi attraverso la quota accantonata al fondo ammortamento swap del bilancio comunale per un importo pari ad euro 20.000.000.

A seguire, in data 20 ottobre 2005, il Comune di Milano e le banche arrangers hanno concluso un atto modificativo del contratto originario (amendment and restatement) con il quale hanno recepito le modifiche sopra indicate. Una seconda modifica è stata eseguita il 1° marzo 2006, tramite la quale si è approvata una successiva integrazione al contratto originario che non è stata preceduta da alcuna delibera della Giunta Comunale.

Questa rettifica sarebbe stata originata da una comunicazione di Defpa riguardo al valore del “Market to Market” che sarebbe risultato negativo. Il Comune ha pertanto deciso di modificare il contratto, stabilendo di calcolare l’importo dovuto agli arrangers sulla base del valore del tasso Euribor 12 mesi maggiorato di 15 base points. Anche questa modifica ha comportato un aumento del rischio finanziario che il Comune milanese si è accollato.

La terza trasformazione del contratto si è verificata alcuni mesi più tardi, decidendo di incaricare il Responsabile del Settore Finanziario dell’amministrazione comunale di ristrutturare solo la parte dello swap relativo al derivato in quota a Deutsche Bank, con l’inclusione della posizione relativa all’IRS verso UBI, stipulato nel 2003, cancellando dunque l’operazione verso Unicredit, tramite il trasferimento della posizione del Comune di Milano verso l’intermediario tedesco. Si è trattato, in sostanza, della novazione dell’IRS, avvenuta mediante la cessione del contratto dalla banca italiana all’istituto della Germania.

Nella quarta modifica, è stata manifestata la volontà dell’ente di:

  • Ristrutturare il piano di ammortamento in modo che il Comune di Milano pagasse le quote di capitale con cadenza mensile;
  • Continuare a pagare la quota interessi con cadenza annuale, calcolandola sul capitale in essere alla data del pagamento;
  • Adeguare la struttura dell’IRS al nuovo piano di ammortamento.

L’ente ha deciso di procedere alla modifica ritenendo che la nuova struttura contrattuale consentisse nel breve periodo di ottenere risparmi, sia in linea capitale che in linea interessi. Si è ulteriormente proceduto ad una modifica aggiuntiva dei tassi di interesse definiti precedentemente.

L’ente ha poi posto alla base della decisione di procedere alla penultima modifica delle condizioni contrattuali il mutamento del quadro macroeconomico e il rialzo dei tassi di interesse, rivedendo nuovamente le condizioni contrattuali esistenti nei confronti di ogni arranger. Infine, l’ultima modifica ha riguardato la stipulazione di quattro nuovi contratti derivati, denominati credit default swap (CDS) nei confronti di ogni singolo intermediario.

Sansoldo Fabrizio

Performance Trading

Home | Mappa | Staff | Disclaimer | Privacy | Supportaci | Contact

Copyright © PerformanceTrading.it ed il suo contenuto sono di esclusiva propriet� di DHDwise. E' vietata la riproduzione anche parziale di qualsiasi parte del sito senza autorizzazione compresa la grafica e il layout. Prima della consultazione del sito leggere il disclaimer. Per informazioni consultare la sezione info.