CHANGE LANGUAGE | Home > Doc > Evolventi Paraboliche > Evolventi Paraboliche versus Rappresentazione su Scala Logaritmica dei Mercati Finanziari.

Evolventi Paraboliche

Avvicinamento alle Evolventi Paraboliche

Razionale delle EP

Prime indicazioni di trading con le E.P.

Formulazione matematica delle E.P.

E. P. versus Rappresentazione su Scala Logaritmica dei Mercati Finanziari

La Analisi Chartistica, Algoritmica, E.P.

Evolventi Paraboliche

Evolventi Paraboliche versus Rappresentazione su Scala Logaritmica dei Mercati Finanziari.

Un esame superficiale e sommario delle Evolventi Paraboliche può talvolta indurre a considerarle quali curve tracciate su grafici con scala lineare che presentano la stessa efficacia della rappresentazione su scala logaritmica di un Mercato al quale sono applicate Trend Lines ottenendo, le stesse indicazioni di Trading. Questa riflessione è fondamentalmente errata. Le Evolventi Paraboliche si basano su una espressione Polinomiale di secondo ordine del tipo : y = a+b*x^2 dove "a e b" sono delle costanti e tre coppie delle coordinate x e y individuano i tre punti presso i quali deve transitare la Curva Parabolica descritta dalla formula mentre invece la perfetta interpolante di una curva che cresce in modo esponenziale è una Polinomiale di ordine almeno terzo ossia del tipo: y = a+b*x^2 +c*x^3.

Essendo quindi le Evolventi Paraboliche assimilabili ad una funzione Polinomiale di secondo ordine esse si collocano a metà strada tra una rappresentazione su scala lineare e su scala logaritmica e questa è la proprietà che le rende così efficaci nella corretta interpretazione delle dinamiche dei Mercati Finanziari.

Al fine di meglio chiarire questa sostanziale differenza dei due strumenti Grafici: Evolventi Paraboliche e Grafici su scala logaritmica, ricorriamo alla rappresentazione dell'Indice Dow Jones dal 1994 ad oggi di Figura 10.

Figura 10) Indice Dow Jones dal 1994 su scala metrica e con due Evolventi Paraboliche.

In Figura 10 sono disegnate due Evolventi Paraboliche: una si Supporto ed una seconda di Resistenza sul grafico consueto su scala metrica lineare e appare in tutta la sa evidenza l'elevata capacità descrittiva del trend in atto da esse dimostrata.

Figura 11) Indice Dow Jones dal 1994 su scala logaritmica in base 10 con Trend Lines

Figura 12) Indice Dow Jones dal 1994 su scala logaritmica in base naturale con Trend Lines

Come ben si osserva nelle due Figure 11 e 12 l'applicazione di una scala logaritmica, sia in base 10 che in base ai logaritmi naturali, se da un lato permette di individuare con una certa attendibilità il Supporto (trattandosi di un Mercato con crescita quasi esponenziale), per contro entrambi le rappresentazioni logaritmiche dimostrano la loro totale e assoluta inefficacia nella individuazione della azione di Resistenza per contro molto ben rappresentata dalle Evolventi Paraboliche di Figura 10.

di Corrado Cantore Copyright © 1998-99 TK Trading Knowledge. S.r.l

Performance Trading

Home | Mappa | Staff | Disclaimer | Privacy | Supportaci | Contact

Copyright © PerformanceTrading.it ed il suo contenuto sono di esclusiva propriet� di DHDwise. E' vietata la riproduzione anche parziale di qualsiasi parte del sito senza autorizzazione compresa la grafica e il layout. Prima della consultazione del sito leggere il disclaimer. Per informazioni consultare la sezione info.